B&B 4 Rooms Roma Roma Piazza San Pietro e colosseo
B&B: 4 Rooms Roma

SAN FRANCESCO A RIPA

Impossibile, per gli estimatori di Bernini, non visitare la chiesa di San Francesco a Ripa, così chiamata perché è qui che avrebbe abitato San Francesco.

SAN CRISOGONO

La facciata tardo-barocca potrebbe ingannare, ma questa grande basilica a tre navate con campanile medievale è una delle più antiche di Roma. Splendido il pavimento cosmatesco. La chiesa fu eretta sopra un edificio del VIII secolo, che a sua volta era subentrato ad uno del V secolo. Sotto la chiesa gli archeologi hanno infatti scoperto una cripta e resti di affreschi dei secoli VII-X.

ATTORNO A PIAZZA DI SANTA MARIA TRASTEVERE

Via della Lungaretta (chiusa al traffico) porta fino a piazza Santa Maria in Trastevere, centro pulsante del rione. Di giorno qui l’atmosfera qui ricorda un po’ quella di un paese, mentre di sera nelle trattorie circostanti si ritrovano gli appassionati di cucina romana, i venditori ambulanti vendono le loro merci e gli artisti di strada fanno a gara per conquistarsi l’attenzione del pubblico. Il bar di piazza San Callisto è punto d’incontro del mondo alternativo, ma anche Ombre Rosse sulla pittoresca piazza Sant’Egidio è un amato ritrovo. Il Mercato di Porta Portese, il mercato delle pulci più grande e animato di Roma si svolge tutte le domeniche, dalle 6,30 all’ora di pranzo, tra via Portuense, piazza Ippolito Nievo e Porta Portese. Qui, tra rigattieri, antiquari e bancarelle di scarpe e vestiario è ancora possibile fare qualche buon affare. Dopo il mercato per un pranzo a base di piatti tipici della cucina romana si consiglia da Bruno alla Tavernaccia (via Giovanni da Castelbolognese, 63; tel 065812792,) assolutamente da provare i rigatoni con la pajata.

SANTA MARIA IN TRASTEVERE

La più antica chiesa mariana di Roma fu fondata già alla metà del IV secolo. L’attuale basilica, caratterizzata da un campanile romanico e da una facciata mosaicata risale al XII secolo. Nonostante successive integrazioni come il portico barocco o il soffitto a cassettoni, l’interno ha conservato l’idea di spazio tipica delle basiliche paleocristiane. Il clou della chiesa sono i mosaici a fondo dorato dell’abside, risalenti all’incirca al 1140.

VIA DELLA LUNGARA

Appena superata Porta Settimiana inizia il rettilineo di via della Lungara, che Giulio II volle costruire come via diretta di collegamento fra Trastevere e il Vaticano. Nella casa sul lato destro della porta avrebbe vissuto la donna amata da Raffaello, la Fornarina, il cui ritratto è esposto a Palazzo Barberini. A metà di via della Lungara si trovava, alla fine del Seicento, una casa di correzione gestita da monache per ragazze e donne “perdute”. Qui ebbe poi sede il reclusorio femminile del Vaticano. Dal 2002, dopo molte difficoltà, nel complesso è stato aperto un ritrovo femminista.

IL GIANICOLO

Il Granicolo, detto anche “l’ottavo colle” di Roma, offre uno splendido panorama sulla città. Il monumento che si trova alla fine della tortuosa via Garibaldi commemora i cruenti scontri del 1849, fra le truppe francesi che difendevano il pontefice e i volontari della Repubblica Romana, guidata da Garibaldi e Mazzini.

SAN PIETRO IN MONTORIO

Il convento francescano di San Pietro in Montorio, fu finanziato, alla fine del XV secolo dai monarchi di Spagna Ferdinando D’Aragona e Isabella di Castiglia come ex voto per la desiderata nascita del loro erede maschio. All’interno della chiesa, dai cui gradini si ha una splendida vista della città, è esposta la Flagellazione di Cristo di Sebastiano del Piombo, ma la principale attrazione è costituita dal piccolo chiostro accanto alla chiesa, nel quale sorge il tempietto di Bramante del 1502.Esso è stato eretto nel luogo dove, secondo una leggenda, fu crocifisso San Pietro. Nel convento ha oggi sede l’Accademia di Spagna.

PIAZZALE GARIBALDI

La terrazza del Gianicolo offre, soprattutto al tramonto, un magnifico panorama sulla città. Secondo una tradizione che risale alla Roma pontificia, a mezzogiorno in punto al di sotto della terrazza tre soldati sparano un colpo di cannone a mò di rintocco. Da decenni un piccolo teatro di burattini all’aperto intrattiene i bambini ( soprattutto sabato e domenica). Il bus elettrico 115 permette di tornare indietro scendendo a Lungo Tevere degli Anguillara, nei pressi dell’Isola Tiberina.